News in tempo reale

Ancora una folle corsa dietro all’orso, il sindaco di Trasacco: “Prestare attenzione alle regole”

Trasacco. Forse non c’è davvero niente da fare. Perché a quanto pare i fiumi di parole scritti nei giornali, i depliant, le locandine, gli spettacoli teatrali, le campagne di comunicazione mirate fatte dai parchi e dalle associazioni ambientaliste, non sono sufficienti per far capire agli abruzzesi che seguire un orso, spaventarlo con i fari e terrorizzarlo con i clacson è pericoloso.

E non solo per gli animali ma anche per automobilisti e semplici passanti.

Rimbalzano sulla rete da una bacheca social all’altra e si rincorrono nelle chat di whatsapp nuovi video che ritraggono orsi bruni marsicani che inseguiti nei paesi e sulle strade di collegamento delle zone alle porte dei parchi nazionali.

Qualche giorno fa nuovi video hanno immortalato Juan Carrito, l’orso problematico e confidente, fortemente richiamato dagli odori del cibo che arriva dai borghi abitati, a Pizzoferrato, in provincia di Chieti. In centro, l’orso, riconoscibile grazie al collare giallo del Parco della Maiella, è stato seguito con l’auto a fari alti e poi spaventato con il suono del clacson. JC, chiuso all’altro lato della strada da un cane che abbaiava, si è dato alla fuga su una scala.

Chissà cosa sarebbe accaduto se poi qualcuno se lo fosse ritrovato di fronte mentre spaventato correva sulle scale. Magari, di fronte a un suo atteggiamento aggressivo scaturito dalla paura, sarebbe poi partita “la caccia” all’orso cattivo.

 

LE RIPRESE DI NOTTE A TRASACCO, IN VIA PECORALE. IL MESSAGGIO DEL SINDACO CESIDIO LOBENE

Questa notte, l’ultima ripresa di un atteggiamento sbagliato seguito all’incontro con l’orso. In via Pecorale, la strada di collegamento tra Trasacco e Collelongo, dei giovani hanno incontrato il plantigrado e si sono lanciati a tutta velocità con l’auto per filmarlo. Il video è poi finito questa mattina su Facebook ed è diventato virale nel giro di pochi minuti.

“Sappiamo tutti che la nostra collocazione geografica fa sì che la nostra sia una zona sensibile all’attraversamento degli animali selvatici e in particolare dell’orso”, il commento del sindaco Cesidio Lobene, “invito quindi tutti i miei concittadini a prestare attenzione e ad attenersi a quelle poche semplici regole dettate dal Parco nazionale, per tutelare una specie così importante per tutto il nostro territorio”.

È solo di qualche anno fa un episodio simile sulle strade di Collelongo, protagonisti due trasaccani, finito poi con una denuncia alle autorità da parte delle associazioni ambientaliste. L’episodio dell’altra notte è stato segnalato questa mattina ai carabinieri forestali della stazione di Collelongo.

 

IL PRECEDENTE QUALCHE GIORNO FA IN VALLE ROVETO

Ancora un orso inseguito e filmato: questa volta in Valle Roveto, sulla Statale 82 (video)

 

LA RIPRESA A LECCE NEI MARSI

Un’altra segnalazione sulla presenza dell’orso nei centri abitati è stata segnalata già da qualche giorno anche a Lecce nei Marsi. Il video girato sulle chat questa volta è stato molto più discreto. Si vede, infatti, solo il passaggio dell’orso a caccia di alberi di frutta e qualche pollaio, in piena notte, ripreso da una finestra.

 

LA VIDEO-INCHIESTA DI ABRUZZOLIVE

 

LEGGI L’ARTICOLO

In Abruzzo la legge c’è ma nessuno la rispetta: tutti rincorrono e immortalano l’orso